"C'è più semplicità e vita in una cellula staminale di quanta non immaginiamo"

InScientiaFides partecipa all’EBMT con una pubblicazione scientifica dedicata alle cellule staminali del cordone ombelicale

20-06-2013

Questo post é stato scritto da Luana Piroli

526608_10151527954254158_766967924_n

Sono molto emozionata!

Abbiamo presentato il nostro lavoro ad uno dei più grandi incontri scientifici   internazionali, il

39° convegno EBMT, dedicato al settore dell’ematologia e dei trapianti al quale partecipano ogni anno i massimi esperti internazionali di questo ambito.

E’ da un anno che stiamo raccogliendo dati, compiendo analisi statistiche al fine di dimostrare quanto un modello sinergico fra strutture sanitarie pubbliche e private possa portare ad un aumento considerevole della raccolta delle cellule staminali da sangue cordonale.

Abbiamo condotto la ricerca in collaborazione con la Università La Sapienza di Roma e la Università LUISS di Roma.

I risultati riscontrati sono meravigliosi, la nostra eccitazione quando ci siamo accorti che tutto funziona è stata grande.

Lo studio riguarda le caratteristiche per identificare in modo efficace i migliori campioni di sangue cordonale, quelli con un elevato contenuto di cellule staminali. Questo risultato ha posto le basi per un nuovo modello di gestione della conservazione delle cellule staminali cordonali in Italia e nel mondo.

Offrire un contributo concreto alla scienza fa parte della nostra Mission.

L’innovazione, esposta dal Dott. Daniele Mazzocchetti, responsabile Sviluppo InScientiaFides, ha riscosso grande interesse.

InScientiaFides ancora una volta mettendo a disposizione i suoi dati per la comunità scientifica, dimostra il suo impegno nella ricerca e per l’educazione sanitaria.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>