"C'è più semplicità e vita in una cellula staminale di quanta non immaginiamo"

Una storia di Buona Vita e d’amore

08-01-2015

Questo post é stato scritto da Luana Piroli

IMG_0411Ciao a tutti!

In questo nuovo anno vi voglio regalare una storia.

La storia di un bimbo nato il 1 Gennaio 2015

Buongiorno a tutti mi presento:

mi chiamo Alessandro, peso 3,600 Kg e sono nato il 1 Gennaio 2015 alle ore 1:05

Dopo un tortuoso percorso ho visto il mondo che … mi ha abbagliato: quanta luce!

Più freddo rispetto a dove ero prima

E quanto rumore attorno a me

Non vi nego che ho avuto molta paura ma … quando la mia mamma mi ha preso in braccio e mi ha scaldato con il suo petto … il suo calore ha celato ogni mio timore.

Che buono il suo ‘odore’

Il mio papà mi ha preso la manina

Sembrava timoroso nel toccarmi, come se avesse paura di farmi male, allora ho stretto forte il suo dito e … una goccia salata e calda è caduta sulla mia guancia ed ho capito quanto grande fosse il suo amore

Pensate che i miei genitori hanno deciso di conservare le cellule staminali del mio cordone ombelicale, con il quale io ho giocato moltissimo nel mondo in cui vivevo prima.

Ho sentito che ne parlavano mentre mi coccolavano

Lo hanno chiamato il mio patrimonio prezioso!

Quindi io sono prezioso per loro.

Questo mondo mi piace e  auguro BUONA VITA A TUTTI VOI!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>