"C'è più semplicità e vita in una cellula staminale di quanta non immaginiamo"

Cellule staminali da cordone ombelicale: Curato primo paziente Covid Italiano

06-05-2020

Questo post é stato scritto da Luana Piroli

clampaggio cordone ombelicaleLe cellule staminali da cordone ombelicale dimostrano di essere nostre alleate anche in questo periodo molto complesso per la salute.

In attesa del Vaccino non vi è ancora una terapia specifica contro gli stati morbosi causati da Sars-CoV-2.

L’AIFA (agenzia del farmaco italiano) ha autorizzato sino ad ora 13 studi clinici su eventuali cure contro il Covid-19.

A Verona* è stato curato un uomo di 69 anni ricoverato in terapia intensiva con cellule staminali da cordone ombelicale.

Il paziente è stato sottoposto ad una doppia infusione a distanza di una settimana l’una dall’altra e poi stato messo sono stretto monitoraggio clinico ed i primi risultati dimostrano un miglioramento della ossigenazione, coagulazione, infiammazione e funzionalità renale del paziente.

La speranza è che questa diventi un’arma terapeutica in più a supporto della cura dei pazienti Covid.

Cosa sono le cellule staminali mesenchimali (MSC)? e quali sono le loro proprietà?

Le cellule staminali mesenchimali hanno una capacità immunoregolatoria ed una incredibile capacità antinfiammatoria e rigenerativa.

Le MSC sono staminali multipotenti adulte in grado di produrre diversi tipi di cellule specializzate del corpo che compongono il tessuto scheletrico. Possono ad esempio specializzarsi in cellule della cartilagine (condrociti), cellule ossee (osteiti) e cellule del grasso (adipociti).

Alcune ricerche sembrano suggerire che le MSC potrebbero essere in grado di differenziarsi anche in tipi cellulari che non appartengono al tessuto scheletrico, come ad esempio cellule nervose, cellule del muscolo cardiaco, cellule del fegato e cellule endoteliali che formano lo strato più interno dei vasi sanguigni. Tali ricerche sono tuttora in corso.

Le cellule staminali da cordone ombelicale (WJ-MSCs) scoperte da Thomas Wharton nel 1956, sono cellule più giovani e primordiali con minor danno genetico e maggior potenzialità differenziativa.

InScientiaFides**, attraverso la Fondazione InScientiaFides, ha validato un processo di estrazione ed analisi della potency di MSCs derivate da Wharton’s jelly. Lavoro pubblicato rivista scientifica Transfusion.

Fonte

*https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/cards/primo-paziente-covid-italiano-europa-curato-cellule-staminali-mesenchimali/strutture-coinvolte_principale.shtml

**http://www.inscientiafides.com/altri-servizi/tessuto-cordonale

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>