"C'è più semplicità e vita in una cellula staminale di quanta non immaginiamo"

Nadal riprende ad allenarsi dopo la terapia con cellule staminali

03-12-2014


Questo post é stato scritto da Luana Piroli

RafaNadal

IL numero 3 del Mondo del Tennis Nadal ritorna ad allenarsi.

Un problema alla schiena lo aveva messo a riposo e, grazie ad una terapia sperimentamente con cellule staminali che, sembra aver dato i risultati sperati, tutto si è risolto!

Ed ora si prepara al meglio per affrontare l’Australian Open del prossimo anno.

Grande Nadal!

 

Rafael Nadal utilizza le cellule staminali per curare la schiena

12-11-2014


Questo post é stato scritto da Luana Piroli

Rafael-Nadal-Wimbledon

Rafael Nadal numero 3 del tennis mondiale  KO per il dolore alla schiena decide di curarsi con le cellule staminali, peraltro non è la prima volta che si sottopone a questo trattamento in quanto le ha già utilizzate lo scorso 2013 per l’artrosi al ginocchio.

Le cellule staminali, attraverso la loro capacità rigenerativa ed anti-infiammatoria, si prestano molto bene nei trattamenti ortopedici e neurologici, favoriscono la ricostruzione dei tessuti e delle cartilagini che rivestono le ossa e quindi agevolano il recupero.

Importantissime in questo caso le cellule staminali mesenchimali che si trovano per lo più nel tessuto adiposo, nel tessuto cordonale (il cordone ombelicale) e nel midollo osseo.

Allo stato delle attuali normative in materia di terapie avanzate, possono essere utilizzate solo all’interno di un programma sperimentale autorizzato, al fine di  trovare possibili e future applicazioni cliniche in ambito:

  • chirurgico estetico (per la ricostruzione di parti di derma lacerate da ustioni, cicatrici, attraverso la rigenerazione del tessuto compromesso)
  • ortopedico (per la riparazione di difetti ossei, difetti focali della cartilagine articolare e difetti tendinei)
  • cardiaco (per la riparazione del tessuto cardiaco danneggiato in seguito ad infarto del miocardio)
  • neurologico (per curare retinopatie, ischemie celebrali, danni spinali o patologie neurovegetative)

Attraverso la Fondazione InScientiaFides, che presiedo, abbiamo validato un protocollo scientifico di estrazione processo, analisi della potenzialità e crioconservaizone da tessuto cordonale e tessuto adiposo, ed ora le stiamo studiando in ambito ortopedico ed ematologico.

Ritengo la medicina rigenerativa la terapia del futuro e credo nel progetto che stiamo compiendo.

Faccio tanti auguri a Rafael Nadal, ti aspettiamo più forte che mai!